Istituto Nazionale Luce

La Fabbricazione della carta
eseguito nelle fabbriche della Soc. An. Cartiere Burgo VERZUOLO (Italia)

data: [1924-31]

durata: 00:20:03

colore: b/n

sonoro: muto

codice filmato: M002804


data: [1924-31]

I procedimenti di lavorazione nella cartiere Burgo, in particolare nello stabilimento di Verzuolo, partendo dall'abbattimento degli abeti alla carta per giornali

  • lingua: italiana
  • nazionalità: italiana
  • Casa di produzione: Istituto Nazionale Luce
  • Anno di produzione: [1924-31]
  • la didascalia scorre raccontando come le fabbriche Burgo di Verzuolo, ed in altri stabilimenti, siano produttrici di carta a ciclo completo
  • lo stabilimento di Verzuolo, molto grande, accanto ad un fiume
  • una grande panoramica
  • la fabbrica di Corsico con i magazzini dove si raccolgono i tronchi, tre canne fumarie di cui due in uso
  • la funicolare dello stabilimento di Poels in Austria, per il trasporto del legname a valle
  • un disegno animato mostra quanto consumano e quanto producono le fabbriche Burgo in una giornata
  • un grafico rappresenta cosa dal legno si ricava: la cellulosa e la pasta di legno
  • le montagne innevate che circondano le sorgenti del fiume Po
  • nella zona non c'è vegetazione, solo rocce ed il fiume che è ancora un piccolo torrente
  • il fiume scende a valle e la pendici dei monti si colorano di vegetazione e di alberi, il Po diventa sempre più grande
  • ad un certo punto il fiume viene incanalato in una condotta forzata che porta l'acqua alla centrale elettrica di Calcinere
  • una piantagione di pioppi: gli alberi sono uno vicino all'altro, un panorama fittissimo di tronchi
  • nella zona austriaca della Stiria la fabbrica Burgo possiede zone per la coltivazione in larga scala dell'abete: i monti innevati e i grandi alberi
  • i boscaioli al lavoro: tagliano due alberi per abbatterli
  • primo piano dei due boscaioli che velocemente segano l'albero, uno fuma mentre lavora
  • i due alberi cadono , due immagini della caduta da visuali diverse
  • il boscaiolo toglie i rami dai tronchi degli alberi abbattuti con un'ascia
  • sempre con l'ascia i boscaioli tolgono la prima corteccia ai tronchi
  • i tronchi vengono segati in parti più piccole
  • i boscaioli fanno scivolare lungo i pendii i tronchi per radunarli a valle
  • i tronchi scivolano sulla neve
  • il legname viene radunato nel deposito, i tronchi accatastati uno sull'altro, operai al lavoro
  • il deposito di legname con le montagne di tronchi, una funicolare trasporta i tronchi da una parte all'altra del deposito
  • l'apparecchio a ganascia con gru per il sollevamento dei tronchi
  • il legno viene depositato alla segheria
  • i tronchi scorrono su un nastro trasportatore e vengono tagliati in pezzi di dimensioni più ridotte da una sega circolare
  • l'interno della segheria con due operai che sono addetti alla manovra della sega circolare
  • primo piano della sega che affonda nel legno e lo taglia
  • i tronchi avanzano sul nastro trasportatore e vengono caricati sulla teleferica
  • i carrelli della teleferica carichi di legno vanno verso valle
  • il lungo percorso della teleferica, un tratto ripido con i piloni a torre, sino alla fabbrica
  • i carrelli carichi di legno sono giunti alla prima postazione della fabbrica dove vengono pesati
  • un operaio ferma il carrello, lo deposita sulla bilancia, poi lo pesa, quindi lo spinge nuovamente sulla funicolare per proseguire la sua strada
  • il legname viene fatto precipitare in un grande deposito da due operai che liberano insieme il carrello
  • i tronchi vengono divisi in diversi pezzi da una macchina a cuneo che li spacca: l'operaio mette sotto al cuneo, che batte a ritmo costante, il tronco, questo viene spaccato in tre parti
  • il reparto dove si scorteccia il tronco: tre operai lavorano ad altrettante seghe circolari che scortecciano il legno
  • gli uomini tengono vicino alla sega il tronco e lo fanno roteare in modo che la macchina pulisce il legno dalla corteccia
  • primo piano del tronco scortecciato
  • la lavorazione della cellulosa comincia con lo sminuzzamento del tronco in pezzi di piccolissime dimensioni
  • l'operaio inserisce i tronchi dentro la macchina sminuzzatrice
  • primo piano della lama rapidissima che ritmicamente tritura il legno
  • i pezzetti di legno escono dalla parte opposta della macchina e finiscono su un nastro trasportatore
  • il lungo traggitto del nastro trasportatore che porta i legnetti nei silos, qui vi finiscono con una caduta a pioggia dall'alto
  • un uomo accende i fuochi dei bollitori, quando questi sono giunti alla temperatura giusta vengono chiusi con dei coperchi
  • due operai chiudono un bollitore
  • il legno viene sottoposto alla cottura a vapore con l'aggiunta di bisolfato di calcio
  • la cellulosa viene caricata in grandi vasche di cemento
  • una draga a ponte scorrevole, con elevatore a tazze, trasporta la cellulosa dalle vasche ad un nastro traportatore
  • il nastro trasportatore porta la cellulosa in una macchina che si chiama separa-nodi, dove la cellulosa subisce un bagno di acqua in una centrifuga
  • la cellulosa viene diluita con acqua, finisce in vasche di decantazione per eliminare le impurità
  • un operaio cammina su percorsi stabiliti sopra le vasche di decantazione
  • la cellulosa scorre come un fiume
  • Pastalegno
  • la lavorazione della pasta di legno comincia con un disegno animato: una macchina riceve i tronchi ancora grandi e poi li sfibra riducendoli in piccolissime scheggie
  • la possente macchina sfibratrice vista nel disegno animato
  • operai caricano i carrelli della macchina
  • le catene portano i carrelli verso la pietra che sfibra il legno
  • la poltiglia di legno che ne esce viene mescolata con acqua
  • la pastalegno defluisce nelle pompe, un operaio raccoglie con la pala le scheggie in eccesso
  • immagine nera
  • la pasta finisce in macchinari che ne riducono ulteriolmente la consistenza
  • la pasta di legno che non viene subito utilizzata passa nello spessitore: una ruota che gira velocemente contro una altra ruota e che toglie l'acqua dalla pasta, la pasta radunata in una vasca
  • la rimanente acqua viene tolta e la pasta di legno viene passata nelle presse da dove esce in pezzi
  • primo piano di una mano maschile raccoglie dalla pressa la pasta
  • una montagna di pasta di legno viene spalata da un operaio
  • la carta
  • il reparto dove si fabbricano i diversi tipi di carte si chiama delle vasche olandesi
  • le vasche sono munite di cilindri con coltelli fissi e altri ruotanti che lavorano la mescolanza di cellulosa e pasta di legno a seconda del tipo di carta che si vuole produrre
  • alcuni operai in camicie con i volti sporchi di bianco mentre svuotano i sacchi nelle vasche olandesi
  • un disegno animato mostra la lavorazione che avviene dentro le vasche olandesi
  • un operaio riempie una delle vasche con pasta di legno, primo piano della pasta che scende da un tubo dentro la vasca
  • l'operaio aggiunge nella vasca la cellulosa, la resina ed alcune sostanze che aumentano la bianchezza e l'opacità della carta
  • la resina serve a non far diffondere sulla carta l'inchiostro
  • questa mistura, aperto il fondo della vasca, finisce nelle vasche per la mescolatura
  • un moto rotatorio di una ruota, detta Sablier, mescola la mistura depurata e diluita
  • una pioggia di spruzzi leggeri di acqua impedisce alla composizione di formare la schiuma
  • la carta passa su una tela, che scorre per mezzo di ruote a cui sono legate delle catene, da dove l'acqua scende in grande quantità
  • l'acqua viene assorbita e pian piano il foglio si forma sulla tela
  • il foglio che si è formato è di grandi dimensioni e non può essere trasportato, quindi con un getto di acqua costante la carta, ancora molto morbida, viene tagliata in strisce
  • con un movimento veloce l'operaio stacca la striscia e la trasferisce da una pressa all'altra
  • la carta viene velocemente spostata da una pressa all'altra dall'operaio
  • la carta viene sottoposta ad essiccazione, tre operai controllano il percorso
  • il gettito di acqua viene chiuso e la striscia di carta si allarga sulla pressa coprendola tutta
  • l'operaio arrotola il nastro piccolo di carta e quindi mette in movimento la pressa dove si srotola la carta in tutta la sua larghezza
  • la macchina arrotola il foglio velocissimamente, il manometro misura i 200 metri al minuto
  • il rotolo viene staccato dalla macchina e trasferito con una gru alla bobinatrice
  • l'operaio direziona il rotolo sino alla posizione giusta dentro la bobinatrice
  • due seghe circolari di piccole dimensioni scorrono veloci sul foglio di carta che viene tagliato secondo la lunghezza voluta
  • i rotoli vengono passati al magazzino, un operaio dipinge sul lato del rotolo il nome della cartiera e il luogo di fabbricazione: Cartiere Burgo Verzuolo
  • il magazzino con i rotoli ben accatastati
  • i rotoli vengono imballati e caricati con una carrucola su un vagone per essere inviati alle loro future destinazioni
  • le testate di alcuni giornali che vengono fatti con la carta delle cartiere Burgo: Roma, Il nuovo Giornale, il Tevere, l'Impero, Il sole, Caffaro, Regime Fascista, La Nazione, Il lavoro, Il secolo XIX, città di Venezia, Il mattino, L'avvenire d'Italia, Il mattino, Il giornale di Genova, il Resto del Carlino, Il paese sportivo, la gazzetta dello sport
  • ed ancora il Popolo d'Italia, Il lavoro d'Italia, il giornale d'italia, La tribuna, Il popolo di Roma, La stampa, la gazzetta del popolo, Corriere d'Italia, Corriere della sera, L'ambrosiano
  • scritta: 80% ,del fabbisogno nazionale di carta da giornale
  • si ritorna in cartiera al reparto calandre
  • qui i rotoli di carta vengono ulteriolmente pressati per dare alla superficie una forma più lucida e uniforme
  • gli operai al lavoro sui macchinari
  • il cilindro della macchina calandra è più stretto e meno veloce
  • un operaio si arrampica e si trascina dietro la carta per inserirla nei cilindri
  • un altro operaio segue i passaggi della carta sui cilindri della calandra
  • ora che la carta è introdotta nella macchina la velocità riprende
  • la carta arriva nel reparto per la tagliatura in fogli: la macchina tagliatrice
  • alla fine della macchina che taglia c'è la macchina che raccoglie, l'operaio controlla il ciclo
  • i numerosi raccogli fogli formano delle cataste di fogli di carta
  • alcune operaie sono addette al controllo della qualità, con un esame manuale scartano i fogli non buoni, sono velocissime nell'operare il controllo
  • primo piano di una di loro
  • due operaie sono addette alla conta dei fogli
  • il documentario si interrompe
Top